domenica 31 luglio 2011

Un inconciliabile irreconcilable

Leggere Clausewitz a due passi da Potsdam, un anno dopo il primo incontro col generale. Rileggere Aron che nega ogni possibile influenza hegeliana sulla dialettica - eppure, è una dialettica - clausewitziana fra tattica e strategia; non avrebbe forse, in tal caso, il nostro prussiano usato nie versöhnender e non nie ausgleichender per dire che ogni sistema è di natura sintetica, sintesi da cui risulta un'inconciliabile opposizione fra teoria e prassi? (§ 6, II libro del Della Guerra). Ad ogni modo il traduttore inglese taglia la testa al toro con un inconciliabile con i nostri gusti irreconcilable.

Nessun commento:

Posta un commento